Insieme contro gli sprechi - Auchan
Menu

Impegni Auchan

Convenienza è una parola ricca di significati che va presa sul serio ogni giorno. Non si tratta di risparmiare soldi ma anche risparmiare tempo, ridurre i problemi e non rinunciare alla qualità e alle comodità della vita.
Per questo Auchan ha preso degli impegni concreti per la tutela del bene più prezioso che abbiamo: il nostro pianeta.

Impegno per l'ambiente

L’ambiente in cui viviamo ogni giorno è il nostro bene più prezioso ed è il bene che condividiamo con il mondo intero. È per questo che Auchan si impegna non solo a ridurre le emissioni di CO2 generate dai materiali da smaltire, ma anche a garantire una filiera e una logistica sempre più ottimizzata.

SCOPRI DI PIù
CHIUDI
RIDUZIONE IMBALLAGGI

RIDUZIONE IMBALLAGGI

Nell’ambito del più generale impegno volto a ridurre la materia prima utilizzata negli imballaggi dei prodotti a marchio, nel 2014 Auchan è stata premiata da Conai tramite il Bando sulla prevenzione. Il progetto consiste nell’alleggerimento della bottiglia in PET contenente 6 diverse tipologie di olio: olio di arachide, girasole, mais, soia, semi vari e olio per friggere. Il peso delle bottiglie di tali referenze, mantenendo invariato il prodotto contenuto, è diminuito del 10%.(progetto ormai ridotto)

Logistica

LOGISTICA

Promuovere una logistica efficiente e sostenibile è un impegno centrale per Auchan. Tale obiettivo viene perseguito attraverso una serie di interventi - che prevedono un importante coinvolgimento dei fornitori di trasporto - volti a minimizzare l’impatto ambientale del flusso distributivo attraverso:
• l’impiego di mezzi più moderni e meno inquinanti: nel 2014 i veicoli utilizzati da Auchan sono conformi alle Direttive Euro 4 (33%), Euro 5 (52%) e Euro 6 (15%);
• la formazione del 100% degli autisti rivolta all’applicazione delle norme per una guida eco-sostenibile;
• l’aumento dei colli trasportati su ciascun mezzo, anche attraverso l’abbinamento di merceologie differenti che spesso richiedono l’utilizzo di mezzi multi-temperatura;
• l’impiego di mezzi più capienti, in particolare viene fissato un numero minimo di bighe (38 posti pallet) al posto dei bilici (33 posti pallet) da utilizzare quotidianamente, che nel corso del 2014 hanno consentito la riduzione dei km percorsi (- 515.655 km) e di emissioni prodotte (- 488 ton di CO₂);
• l’adozione, in collaborazione con Simply, di un sistema di logistica territoriale che consente di ridurre i km necessari per distribuire la merce. Tale modalità riguarda le aree del Lazio e delle Marche ed ha consentito di ottenere un risparmio in termini chilometrici pari a 108.600 km e una mancata immissione di anidride carbonica pari a 102.800 kg di CO₂ .
• l’utilizzo di 450.000 pallet CHEP riutilizzabili, che ha evitato l’emissione in atmosfera di 378 tonnellate di CO₂, l’utilizzo di 385 m3 di legno e la produzione di 36 tonnellate di rifiuti.

Impatto ambientale dei flussi logisticiTabella Logistica

Etichettatura ambientale

Etichettatura ambientale dei prodotti di filiera

Con la nuova app di Auchan potrai conoscere l'impatto ambientale dei prodotti di filiera controllata. Con “Il Fresco di Filiera Auchan” si può scoprire l’impronta ecologica e il consumo idrico, di suolo e di CO2 della filiera. L’obiettivo è promuovere comportamenti di acquisto consapevole.La sperimentazione dell’app è in fase test per la filiera della carota presso l’Ipermercato di Rescaldina (MI), con l’obiettivo di estenderla negli altri punti vendita. Tutte le informazioni sull’impegno ambientale sono disponibili su www.auchan.it/filiera

Riduzione rifiuti

Rifiuti

Una gestione attenta ed efficace dei rifiuti, e la continua riduzione degli stessi, rappresentano per Auchan un obiettivo centrale da promuovere e incentivare nelle buone pratiche interne applicate nei punti vendita così come nelle iniziative di informazione e sensibilizzazione ai clienti/consumatori. In tutti i punti vendita sono attive procedure di raccolta differenziata dei rifiuti, di verifica e di controllo, con l’obiettivo di favorire un recupero ottimale dei rifiuti stessi e un contenimento dei costi di smaltimento. Nel 2014 sono state prodotte 37.205 tonnellate di rifiuti non pericolosi e 72 di rifiuti pericolosi - neon, batterie, oli esausti, RAEE - per un totale di 37.277 tonnellate (+ 2,8% sul 2013). I rifiuti prodotti dagli ipermercati sono rappresentati da carta e cartone, rifiuti umidi/organici, legno, plastica, vetro, materiali ferrosi e imballaggi misti. Attualmente Auchan gestisce direttamente la raccolta dei rifiuti in 27 Ipermercati, mentre negli altri punti vendita la raccolta è effettuata da aziende municipalizzate o prevede una gestione in parte privata in parte pubblica, di conseguenza non si dispongono di dati completi e verificati.

Oasi

Oasi WWF

Dal 2009, Auchan conferma il suo impegno a tutela della natura italiana sostenendo le Oasi del WWF, attraverso la realizzazione di numerose attività di conservazione e di educazione ambientale. Negli anni passati Auchan ha infatti scelto di adottare 13 Oasi WWF, localizzate nelle vicinanze dei suoi ipermercati, sensibilizzando i clienti dei punti vendita sulla bellezza, l'eccellenza e la preziosità della natura del nostro Paese.

Il supporto al programma di adozione Oasi si rinnova anno dopo anno con la vendita delle borse riutilizzabili in edizione limitata, lanciate nel 2009 per promuovere insieme al WWF la sostituzione dei sacchetti di plastica. Un percorso avviato in largo anticipo rispetto alla normativa che metteva ufficialmente al bando i vecchi sacchetti di plastica e che ha portato alla distribuzione di oltre 376.000 shopper riutilizzabili.
Di anno in anno le shopper riutilizzabili sono state decorate con disegni di specie simbolo delle campagne WWF, realizzati dalla mano di Fulco Pratesi, Presidente Onorario del WWF Italia.

Quest'anno, in occasione di Expo 2015, al tema dell’alimentazione sostenibile saranno dedicate le speciali shopper riutilizzabili dei “Viveri e Vegeti” cioè i cibi che ogni giorno più facilmente sprechiamo nelle nostre case anche se ancora buoni.

Le nuove shopper sono in vendita in tutti gli ipermercati Auchan per sostenere i progetti del WWF: acquistando la borsa esclusiva si beneficia di un ingresso gratuito per visitare le Oasi adottate da Auchan, veri e propri ''tesori della natura'' italiana.

Impegno l'energia

L’energia è ciò che ci muove, ma non è una risorsa infinita. Ecco perché ogni giorno, rivolgiamo la nostra attenzione e le nostre energie alla riduzione dei consumi, alla riduzione della superficie di vendita e all’installazione di impianti fotovoltaici.

SCOPRI DI PIù
CHIUDI
Riduzione dei consumi di energia

Riduzione dei consumi di energia

Nel 2014 il consumo totale di energia elettrica è stato pari a 206.179 MWh (- 1% rispetto al 2013); contestualmente, il consumo specifico - a parità di giorni di apertura - è stato pari a 450kWh/ mq, sostanzialmente in linea con l’anno precedente. Auchan è da anni impegnata nell’adozione di soluzioni volte a razionalizzare il consumo di energia elettrica, come:
- potenziamento del ruolo dell’Energy Manager e costante monitoraggio dei consumi;
- attività di formazione e campagne di sensibilizzazione dei lavoratori, in particolare nei Punti Vendita;
- ricerca di nuovi progetti e tecnologie per migliorare i risultati;
- investimenti per migliorare l’efficienza energetica degli impianti.
Sul piano degli interventi tecnici, prosegue il lavoro di rinnovamento dei sistemi d’illuminazione, con la progressiva installazione delle lampade a LED nell’area di vendita (in 2 Ipermercati), nell’area dei prodotti freschi (in 2 Ipermercati). Inoltre, un ulteriore punto di grande attenzione riguarda i sistemi di refrigerazione dei prodotti: in 19 Ipermercati si è, infatti, provveduto alla chiusura dei banchi frigoriferi a temperatura normale (TN).Tali interventi hanno generato un complessivo miglioramento della prestazione energetica dei punti vendita: ad ottobre 2014 gli Ipermercati certificati in classe energetica A sono il 50% del totale (+ 13,6% rispetto al 2013). Dal punto di vista economico, la riduzione dei consumi elettrici nel 2014 ha generato un significativo risparmio, per un ammontare complessivo di euro 645.543. Nell’ottica di contenere i costi energetici e ridurre le emissioni di anidride carbonica, Auchan è impegnata anche nella produzione di energia elettrica da fonte rinnovabile. Attualmente sono attivi impianti fotovoltaici negli Ipermercati di Casamassima, Mestre (in collaborazione con Gallerie Auchan), Taranto, Nerviano e, dal 2014, Palermo Fondo Raffo e Cuneo, per una produzione complessiva annua di 1,6 milioni di kWh.

Power Bumps

Power Bumps

Le Power Bumps sono pedane energetiche che verranno posizionate sulla strada, nel parcheggio della Galleria Auchan di Rescaldina, permettendo di recuperare energia dal traffico, con una tecnologia ideata dalla start-up Underground Power. Le power bumps saranno inoltre costituite in gran parte da materiale riciclato e avranno una funzione di sicurezza rallentando dei veicoli in entrata.

Impegno per l'acqua

Spesso la diamo per scontata, ma l’acqua è uno dei beni più preziosi che abbiamo. E siamo consapevoli che non tutti hanno il privilegio di poterne usufruire. Ecco perché Auchan si impegna ogni giorno per ridurre i consumi idrici e nel recupero dell’acqua piovana.

SCOPRI DI PIù
CHIUDI
Riduzione consumi idrici

Riduzione dei consumi idrici

Nel 2014 si conferma il trend di riduzione dei consumi di acqua in atto da alcuni anni, con la diminuzione del 5,3% dei consumi idrici assoluti e del 3,2% in rapporto alla superficie di vendita, a parità di giorni di apertura.
Di norma l’acqua utilizzata dagli Ipermercati – per usi igienici, di pulizia e per gli impianti di rinfrescamento – proviene da allacciamenti ad acquedotti per usi civili. Le acque di scarico degli Ipermercati e della sede Centrale di Rozzano sono sostanzialmente assimilabili a quelle che si producono nelle abitazioni.

Recupero Acqua

Impianto di recupero dell’acqua piovana

I positivi risultati ottenuti negli ultimi anni da Auchan sono frutto del costante impegno volto a promuovere un uso efficiente della risorsa idrica, attraverso azioni di sensibilizzazione e responsabilizzazione degli addetti.
Inoltre, in alcuni Ipermercati – a Porte di Catania, Mestre, Casamassima e Vimodrone – è stato installato un impianto di recupero dell’acqua piovana, riutilizzata per alimentare i servizi igienici e l’irrigazione.

Impegno per lo spreco alimentare

Chi più di noi può comprendere il valore del cibo? Nessuno. È per questo motivo che Auchan si impegna ogni giorno nella lotta agli sprechi alimentari: scontiamo i prodotti in scadenza, incoraggiamo una politica di acquisto di prodotti sfusi e organizziamo donazioni alimentari.

SCOPRI DI PIù
CHIUDI
Prodotti Sfusi

Prodotti sfusi

Nell’ambito del più generale impegno volto a ridurre la materia prima utilizzata negli imballaggi dei prodotti a marchio, nel 2014 Auchan è stata premiata da Conai tramite il Bando sulla prevenzione. Il progetto consiste nell’alleggerimento della bottiglia in PET contenente 6 diverse tipologie di olio: olio di arachide, girasole, mais, soia, semi vari e olio per friggere. Il peso delle bottiglie di tali referenze, mantenendo invariato il prodotto contenuto, è diminuito del 10%.(progetto ormai ridotto)

Donazioni Alimentari

Donazioni Alimentari

Promuovere una logistica efficiente e sostenibile è un impegno centrale per Auchan. Tale obiettivo viene perseguito attraverso una serie di interventi - che prevedono un importante coinvolgimento dei fornitori di trasporto - volti a minimizzare l’impatto ambientale del flusso distributivo attraverso:
• l’impiego di mezzi più moderni e meno inquinanti: nel 2014 i veicoli utilizzati da Auchan sono conformi alle Direttive Euro 4 (33%), Euro 5 (52%) e Euro 6 (15%);
• la formazione del 100% degli autisti rivolta all’applicazione delle norme per una giuda eco-sostenibile;
• l’aumento dei colli trasportati su ciascun mezzo, anche attraverso l’abbinamento di merceologie differenti che spesso richiedono l’utilizzo di mezzi multi-temperatura;
• l’impiego di mezzi più capienti, in particolare viene fissato un numero minimo di bighe (38 posti pallet) al posto dei bilici (33 posti pallet) da utilizzare quotidianamente, che nel corso del 2014 hanno consentito la riduzione dei km percorsi (- 515.655 km) e di emissioni prodotte (- 488 ton di CO₂);
• l’adozione, in collaborazione con Simply, di un sistema di logistica territoriale che consente di ridurre i km necessari per distribuire la merce. Tale modalità riguarda le aree del Lazio e delle Marche ed ha consentito di ottenere un risparmio in termini chilometrici pari a 108.600 km e una mancata immissione di anidride carbonica pari a 102.800 kg di CO₂ .
• l’utilizzo di 450.000 pallet CHEP riutilizzabili, che ha evitato l’emissione in atmosfera di 378 tonnellate di CO2, l’utilizzo di 385 m3 di legno e la produzione di 36 tonnellate di rifiuti.

Scuola Channel

Scuola Channel

Dal 2014 Auchan è partner di Scuola Channel, una piattaforma on line che propone progetti e contenuti educativi digitali su temi di rilevanza didattica, sociale e culturale, rivolti al mondo della scuola primaria e secondaria di primo e secondo grado. In particolare Auchan sostiene la divulgazione del tema della lotta allo spreco alimentare, collaborando alla definizione di contenuti e materiali didattici, così come alla realizzazione di attività informative e un Concorso a premi per le classi e gli alunni.
Ad aprile 2014 è stata avviata la prima iniziativa di sensibilizzazione, con il lancio di “Sprecare non vale!" un innovativo progetto ludico-digitale, realizzato attraverso il portale scuolachannel.it. Il progetto ha affrontato il concetto di spreco a 360° prevedendo contenuti educativi, giochi e un percorso multidisciplinare rivolto ai docenti, agli studenti e alle famiglie.
Per il lancio del progetto è stato proposto il concorso “Non sprecare? Mi piace!” aperto alle classi della scuola primaria, della scuola secondaria di I grado e ai singoli studenti fra i 6 e i 13 anni di età, che ha previsto la presentazione di elaborati sullo spreco di risorse. Il concorso, nell’ambito del quale sono stati presentati 95 elaborati, si è svolto da marzo a maggio 2014 e si è concluso ad ottobre, con la premiazione di diverse classi della Scuola primaria e secondaria. In occasione della premiazione, 7 ipermercati sono entrati in contatto con le Scuole e le famiglie vincitrici per l’assegnazione di numerosi premi speciali, tra cui tablet Qilive, e altri offerti dal WWF.
Nel 2015 il progetto proseguirà con il percorso “Quanto è buono ciò che vale”, dedicato alla corretta alimentazione e rivolto anche alle scuole primarie e a quelle secondarie di secondo grado, con contenuti personalizzati.

Una buona occasione

Progetto UNA BUONA OCCASIONE - Regione Piemonte

I punti vendita Auchan del Piemonte hanno aderito al progetto della Regione denominato “Una Buona Occasione”. L’obiettivo che si pone è quello di ridurre lo spreco alimentare nelle fasi della distribuzione commerciale e del consumo domestico favorendo nel contempo l’adozione, da parte dei consumatori, di comportamenti virtuosi. In particolare si è cercato di agire sulla tendenza all’acquisto di prodotti a scadenza più lontana, che provoca l’accumulo di eccedenze invendute.
All’ingresso di ogni Ipermercato è stata affissa una locandina con il logo del progetto, mentre un’altra comunicazione è stata posta in prossimità di un’apposita vasca contenente i prodotti in scadenza, venduti con uno sconto compreso tra il 30% e il 50%.
Tramite l’adesione al progetto, gli ipermercati Auchan del Piemonte hanno ricevuto dalla Regione materiale informativo da distribuire ai clienti e hanno ospitato diverse associazioni dei consumatori che hanno spiegato il progetto.
I punti vendita del Piemonte attuano altre iniziative per combattere lo spreco alimentare: in totale, al Banco Alimentare sono stati donati prodotti per un valore di circa 150.000 euro, da destinare alle persone e famiglie in difficoltà. Il punto vendita di Rivoli mette in vendita sacchetti di brioches del giorno precedente a un prezzo conveniente, mentre Auchan Torino effettua la vendita di pane secco, evitando di buttare un alimento prezioso.

Bilancio